News 20-05

I TEMI delle Wein-Plus News 20-05 del mese di maggio: Best of Alto Adige 2020 + + + Best of Soave 2020 + + + Imballaggi sicuri con basso impatto ambientale + + + Più Consumo del vino nei mesi del lockdown

Come annunciato all’inizio dell’anno, nel 2020 l’Italia sta per Wein-Plus nel centro dell’attenzione. Il primo Best of era dedicato all’Alto Adige e segue subito quello sui vini di Soave …

Sguardo dalle terrazze di vino al Kalterrsee. Alto Adige 2020 - Wein-Plus
Lo sguardo sul Kalterrsee (Foto: Raffaella Usai)

News 20-05 A. Best of Alto Adige – Tante novità al Nord

Per il Best of Alto Adige sono stati degustati ben 450 vini, sia bianchi sia rossi. Ma guardiamo cosa dice il nostro capo-degustatore Marcus Hofschuster sulle annate degustate. Secondo lui, attualmente si possono osservare diverse tendenze in Alto Adige. In primis, almeno alcuni dei produttori stanno chiaramente contrastando la tendenza verso vini più caldi con gradazioni alcoliche crescenti, che sembra aver raggiunto il suo apice con l’annata 2017. I vini dell’annata 2018 – per quanto li abbiamo assaggiati finora, perché molti vini di punta devono ancora arrivare – spesso ci sembrano un po’ più snelli, più precisi e freschi rispetto ai loro omologhi degli ultimi tre anni. Al Best of…

 


Paesaggio in Soave di sera con una luce dorata. Foto per l'articolo Best of Soave 2020 della guida vino Wein-Plus. Foto: Consorzio Soave
Paesaggio in Soave (Foto: Consorzio Tutela Soave)

News 20-05 B. Best of Soave – Qualità in costante aumento

Le degustazioni del Soave 2020 erano di nuovo una festa. Questo vino a base di Garganega è per Wein-Plus uno dei migliori vini bianchi italiani al quale dedichiamo regolarmente un Best of. “Best of” è per noi una degustazione organizzata, focalizzata su una zona specifica. E spesso dedichiamo queste degustazioni nella guida Wein-Plus all’Italia. Al Best of Soave 2020…

Stavolta, per offrire ai nostri lettori un quadro generale ancora più approfondito della denominazione, la degustazione viene accompagnata da un articolo nella rivista, scritto dalla nostra collaboratrice Raffaella Usai che parla soprattutto dell’introduzione delle UGA (unità geografiche aggiunte) che sono state utilizzate per la prima volta in etichetta con l’annata 2019. Quindi queste News 20-05 contengono anche un link a un articolo in tedesco … e anche se non riusciste leggerlo, buona a sapersi di questo supporto redazionale per la denominazione.

 


Imballaggio ecologico, per spedire il vino in modo sicuro fatto di materiale certificato. Foto per le News 20-05 di Wein-Plus Italia
Gli imballaggi di cartone sono sicuri e riciclabili (Foto per queste news 20-05 di Pixabay)

Salvare l’ambiente

Vorremmo sfruttare queste News 20-05 a fare pure un picco appello a voi, dato che ci raggiungono ancora troppo imballaggi fatto di materiali difficilmente da smaltire, pure avendo sul mercato delle buone alternative.

Il polisterolo

Il polistirolo, ovvero il polistirene espanso in forma di schiuma, è diventato un elemento comune nelle nostre vite. Anche quando si tratta di inviare delle bottiglie di vino – spesso i produttori scelgono degli imballaggi in polistirolo, progettate per la spedizione su lunghe distanze in condizioni di sicurezza. In redazione ad Erlangen arrivano regolarmente questi tipi di imballaggi che oltre a decorare l’ufficio con pezzettini bianchi che sembra quasi arrivata la stagione natalizia, creano il problema di smaltimento dei rifiuti.

Questo soprattutto perché il polistirolo è un agente fortemente inquinante per l’ambiente: sappiamo che tonnellate di questo prodotto invadono annualmente, e a livello globale, le spiagge, i parchi e altri luoghi naturali. Abbiamo visto tutti le immagini di animali morti per aver ingerito del polistirolo. I rischi per l’ecologia e per la salute umana legati al polistirolo sono ancora oggetto di studio, ma ci sono diverse buone ragioni per le quali è consigliato di evitarne l’uso.

Imballaggi sicuri con basso impatto ambientale sono possibili

Perciò, quando inviate la prossima volta i vostri campioni (per dettagli), vi chiediamo gentilmente di utilizzare imballaggi in cartone riciclabile al 100%. Un possibile fornitore è l’azienda abruzzese EWSP con la quale lavoriamo da tanti anni offrendo delle tariffe speciali ai nostri business member (vedi dettagli sulla membership e tutti i vantaggi).

Perché siamo responsabili tutti. Per l’ambiente. Per i nostri figli. Per il futuro.

 


Coppia a casa bevendo del vino per illustrare l'aumento del consumo durante il lockdown. Foto per le News 20-05 di Wein-Plus Italia
Se non si può uscire, si concede il vino a casa ed eventualmente anche qualche bicchiere in più (Foto: Pixabay)

News 20-05 C. Aumenta il consumo di vino nei mesi del lockdown

Dati rassicuranti per i produttori di vino: nei mesi di lockdown il consumo di vino a casa è aumentato in modo evidente in quasi tutti i paesi europei. A dimostrarlo è lo studio condotto dall’Euawe, l’Associazione europea di economisti del vino e dall’Università di Bordeaux, grazie a un sondaggio realizzato in Spagna, Belgio, Italia, Francia, Austria, Germania, Portogallo e Svizzera.

La più alta frequenza di consumo di vino si è verificata tra i 30 e i 50enni. Oltre l’80% degli intervistati non ha acquistato vino online, ma a farlo per la prima volta è stato l’8,3% degli italiani, il 6,6% degli spagnoli, il 5,2% dei portoghesi e il 4,6% dei francesi.

Inoltre, c’è stata una “esplosione del fenomeno delle degustazioni digitali” guidate attraverso webinar. Questo fenomeno è stato “rilevante” tra i giovani studenti italiani e tra i francesi giovani e adulti tra i 30 e i 50 anni.

Aumento del consumo in Germania

In Germania invece, da fine febbraio a fine marzo, secondo il GfK, l’Istituto di ricerca di mercato, sono state vendute un buon terzo di bottiglie di vino in più rispetto allo stesso periodo del 2019. Ma i dati sono da interpretare con cautela, perché la crescita delle vendite al dettaglio è stata ovviamente compensata dalle perdite di fatturato nel settore della ristorazione, ha spiegato l’esperto di retail di GfK, Robert Kecskes. Le persone non stanno necessariamente consumando di più, ma altrove – di nuovo a casa invece che nei ristoranti e pub”, ha detto.

… e negli Stati Uniti

Anche in Usa, mercato fondamentale per il vino italiano, secondo i dati Nielsen, riportati dal portale wineindustryadvisor, le vendite di vino, tra il 7 marzo ed il 9 maggio 2020, sono cresciute del 30,7%, con una crescita dei valori, anno su anno, del 35%.

 


Per domande su queste news 20-05 o altro rivolgiti volentieri alla redazione …

 

 

Lascia un commento