Viticoltori in difficoltà: Sperare e agire ai tempi di Corona

Chi l’avrebbe mai detto, a inizio gennaio, che il 2020 si trasformasse in un annus horribilis? Noi di Wein-Plus seguiamo sempre cosa succede in Italia e ci piange il cuore di fronte alla situazione drammatica che sta vivendo il settore vitivinicolo italiano e non solo. Ogni giorno aumentano le preoccupazioni della filiera e anche noi – come tutti i viticoltori in difficoltà – ci chiediamo „Cosa succederà nei prossimi mesi?“  „Come reagiranno i mercati?“ „Quando ritorneranno i turisti a riempire alberghi e ristoranti?“, Come faranno le aziende a sopravvivere?“

Una certezza cruciale: I viticoltori sono in difficoltà come l’intero settore del vino

 

Il tema di Wein-Plus "i viticoltori in difficoltà " viene qui mostrato con una illuminazione in neon di una bottiglia che galleggia in aqua.

La situazione in Italia

Siamo in stretto contatto con tanti produttori e importatori per capire come si muove il settore. Prevalgono le incertezze e le paure, c’è chi la vive in maniera più ottimista, c’è chi invece si trova già adesso come viticoltore in difficoltà. Soprattutto le aziende che puntano su vini d’annata devono trovare una soluzione veloce per svuotare la cantina prima della prossima vendemmia.

Ma il grande rischio è quello del crollo dei prezzi. Sarebbe drammatico specialmente per le piccole realtà che in tanti anni sono riusciti a crearsi un mercato. L’alternativa, la distillazione di crisi, non è certo una soluzione che possa andare bene per tutti. Magari per le grosse cantine sociali un prezzo di 30 centesimi al litro potrebbe funzionare, di sicuro non per una piccola azienda che produce vini di medio-alta qualità.

 

Esempio di un annuncio in Instagram di una cantina italiana che deve sospendere le degustazioni per Covid-19

 

Quale speranza per i viticoltori in difficoltà?

Non solo in Italia si vive una situazione d’insicurezza, ma in tutta Europa ci sono viticoltori in difficoltà. E anche i commercianti del vino, gli enotecari, i ristoratori – tutti soffrono. Non serve però lamentarsi, è invece il momento giusto per dimostrare solidarietà, per rinnovare e per fare. Dopo il primo shock emerge ora la voglia di trovare nuove soluzioni. Perciò, qui di seguito vi vogliamo sottoporre qualche iniziativa concreta che hanno attivato in Germania per aiutare i viticoltori in difficoltà.

Per esempio la piattaforma online cheerswith.me che è stata creata da quattro giovani, Oliver Semik dell’agenzia di design Yummy Stories, Fabian Pellegrini, Joshua Keck e Jonas Marckert dell’agenzia digitale Dorfjungs di Karlsruhe. Cheerswith.me vuole connettere produttori e appassionati di vino in una maniera semplice e diretta. Il riscontro è stato immediato. Il concetto ha convinto una serie di vignaioli illustri e consorzi tedeschi come il VDP e Pfalzwein che regolarmente organizzano delle degustazioni online.

Un’altra iniziativa è quella dell’azienda Euvinopro che è specializzata nel creare software per il settore vitivinicolo. Euvinopro offre ai viticoltori in difficoltà e ai commercianti di vino entro il 30.9.2020 uno shop online gratuito in modo che possano fornire i loro clienti direttamente. Lo shop può essere integrato in qualsiasi sistema CMS come WordPress, Joomla oppure Typo3.

L’articolo intero con altri spunti in tedesco sulle iniziative lo potete trovare qui!

 

un bicchiere di vino rosso e un libro per sognare le prossime vacanye dopo il coronavirus. Ilustrazione per l'articolo in Wein-Plus "i viticoltori in difficoltà "
Bere a casa e sognare già il tempo dopo la crisi. Comunicando ora si può dare spunti per le scelte odierne e future.

 

Stay home, drink wine … aiuta anche i viticoltori in difficoltà

Un’idea altrettanto interessante è il progetto Stay home, drink wine. I grandi rivenditori online del vino approfittano dell’attuale situazione, il loro business sta andando a gonfie vele mentre le piccole enoteche e negozi specializzati soffrono perché non possono vendere come prima. Per dare una mano agli operatori del settore, dal 30 marzo, esiste la piattaforma stayhomedrinkwine.de che connette rivenditori e consumatori finali. Dietro c’è l’azienda Eurosoft che ha programmato la piattaforma come un grande shop online, nel quale i singoli operatori possono caricare il loro portfolio. La ricerca avviene attraverso il CAP oppure il nome del negozio. Per la promozione del progetto sono responsabili i partecipanti stessi, sui social come facebook ed instagram a attraverso il hashtag #shdw devono far girare le loro proposte. Insomma, una buona opportunità per recuperare alcune fette di mercato perse.

Con questo progetto (che ricorda l’iniziativa italiana #iobevoacasa), infine, si aiuta anche ai viticoltori in difficoltà perché se i rivenditori riescono a svuotare gli scaffali, devono ricomprare anche presso i produttori.

 

Scaffale di vino. anche i commercianti di vino son nello stesso mare. Appena vendono loro, ricomprano anche il vino dai produttori. Wein-Plus
Dato che le persone consumano più a casa, anche il vino – per chi lo beve – farà sempre parte delle giornate e serate. Fortunata/o chi ha una piccola cantine in casa, gli altri comprano ora online oppure nei mercati delle bevande o anche presso le cantine. Curiosità tedesca: In Germania il commercio di bevande incluso le cantine stesse fanno parte del fabbisogno giornalieri e possono vendere le bottiglie chiuse (per gli assaggi in loco esiste, però, un divieto).

 

Le carte vengono rimescolate di nuovo

Dato che le persone in generale, ricordate solo come vi comportate voi stessi, consumano ora più responsabilmente, è un momento di grande opportunità per i prodotti di alta qualità. Le carte ora possono essere nuovamente rimescolate.

I tedeschi amano l’Italia

Una cosa è certa: I tedeschi amano l’Italia e visto che in questo momento non possono venire, perché non portate l’Italia in Germania? Un’ottima possibilità per farlo è quella di usufruire della grandissima rete di Wein-Plus. Anche con pochi soldi (una membership annuale costa soltanto 190 Euro), i viticoltori in difficoltà e non, possono, poi, partecipare inviando alla redazione i loro campioni in degustazione rimanendo visibili, dato che i risultati dei membri vengono pubblicati nella guida dei vini online raggiungendo un potenziale di oltre 200.000 lettori.

I buoni esiti delle degustazioni oppure la menzione nella sezione speciale „Lieblingsweine“ (qui la spiegazione in italiano dei vini preferiti della redazione) possono essere impiegati nella propria comunicazione verso operatori e appassionati senza ulteriore dispendio, essendo membro.

handshake. solo insieme usciamo bene dalla crisi e i viticoltori dalla attuale difficoltà. Il network del vino Wein-Plus vi sta al fianco. Tutti sogniamo d'uscire prestoda questo incubo di Covid-19. Eventualmente Wein-Plus può dare una man ai viticoltori in difficoltà

 

Viticoltori in difficoltà o non: Rimanere in contatto e nel dialogo

Tassativamente all’ordine del giorno sta la comunicazione. A volte, come si vede sopra, nascono delle idee nuove per aiutarsi reciprocamente. Ma continuare di comunicare serve anche per non essere perso di vista nel vero e proprio senso della parola.

Chi taglia l‘impegno per la comunicazione durante la crisi, farà più fatica a riemergere una volta superato le difficoltà. In ogni caso bisogna mantenere il contatto e rimanere nel dialogo con i propri e potenziali clienti per non perdere la visibilità acquisita o trovare nuovi canali.

Per esempio, uno di questi network a supportare i viticoltori in difficoltà potrebbe essere eventualmente Wein-Plus, che esiste come guida dei vini e rivista online già dal 1998. Quindi si tratta di una rete ben consolidata e per moltissimi operatori – non solo in Germania – le note di degustazioni della redazione di Wein-Plus sono un valido punto di riferimento.

 

Qualche quadrofoglio der dimostrare la speranza di uscire presto e con fortuna di questa situazione. Wein-Plus

Cosa porterà il futuro?

Cosa porterà il futuro dipende anche da voi, viticoltori in difficoltà, da quello che fate oppure non fate, da quello che intraprendete e non. Ognuno ha le responsabilità per la propria azienda, si può rimanere immobili aspettando tempi migliori oppure essere creativi e prendere l’iniziativa. Ora è il tempo per creare delle buone condizioni per il futuro. Per quanto riguarda lo sviluppo del business nell‘azienda, in primis si dovrebbe ora assicurare la sopravvivenza dell’impresa: Valutare attentamente ogni singolo passo e ogni decisione in sospeso e chiedersi sempre di nuovo se il percorso attuale è in grado di portare l’azienda nel futuro e mantenerla in vita.

Anche noi, di Wein-Plus stiamo facendo lo stesso. Vediamo ora più che mai la fiducia nel nostro modo di fare e un aumento di aziende che cercano la nostra collaborazione. Questo ci rende felici, ma ovviamente non ci rende felice il motivo di Covid-19. Intanto stiamo cercando ulteriori sostegni per le aziende come una nuova formula di una fiera virtuale … (coming soon, quindi non chiedete informazioni ora, vi informeremo appena ci sono delle novità).

Ma intanto, magari, prendete visione dei benefici già esistenti e vedete se questi potrebbero affiancare anche il vostro percorso: Alle informazioni …

E volentieri scriveteci, quali iniziative esistono in Italia per i viticoltori in difficoltà, ne raccontiamo volentieri anche da noi (come lo abbiamo già fatto qui e qui) per sensibilizzare i lettori sulla situazione in Italia e sostenere #iobevoitaliano. E, ovviamente, ci siamo per rispondere alle vostre domande e preoccupazioni.

#tuttoandràbene

C'e sempre tempo a bere un bicchiere di vino, questo si legge nella foto a incoraggiare i viticoltori in difficoltà e wein-plus vi sta al fianco

Le foto per l’articolo “viticoltori in difficoltà” sono di Pixabay e Unsplash

Lascia un commento